english langue
lingua italiana

Marchi | Marchi

EUIPO: tutte le novità sui Marchi Europei

Cosa è cambiato con la riforma del 23 marzo 2016?

  Dal 23 Marzo 2016 l’UAMI è diventata EUIPO, Ufficio per l’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale. Da questa riforma, sono scaturiti una serie di cambiamenti relativi alle procedure dei depositi e dei rinnovi. Vediamoli insieme:   1) Sono cambiate le tasse di deposito: si è passati ad un sistema “single class” (per cui si paga una tassa per ogni classe di prodotti o servizi che si rivendica al momento del deposito). In precedenza si pagava una tassa iniziale che...

Le banche dati dell'UAMI continuano l’espansione

I database dell'UAMI si arricchiscono con il contributo degli archivi elettronici di altri uffici nazionali: nuovi apporti sia per TMclass, il più grande database di classificazione dei marchi nel mondo, che per DesignView, che consente di accedere alle informazioni sui disegni registrati degli uffici nazionali partecipanti in un unico formato di presentazione. Il primo archivio vede l'ingresso degli uffici marchi e brevetti di Serbia (IPORS), Bosnia-Erzegovina (IIP BIH) e dell'ex Repubblica iugoslava di Macedonia (SoIP), che portano così il numero dei...

Brevetti e Marchi: i dati del 2014

Brevetti in crescita, Marchi stabili

l'ufficio italiano Brevetti e Marchi a reso pubblici i primi dati sui depositi del 2014. I dati come ci si aspettava non sonodel tutto positivi in quanto il periodo di crisi si fa sentire anche in questo campo e ci sono dei dati negativi. Brevetti +2,8% Marchi -0,6% Design -18,3% Modelli d'utilità -6,5% Maggiori informazioni le troverete sul sito http://www.uibm.gov.it/attachments/Depositi_Titoli_2014.pdf  

Accordi di coesistenza e confondibilità tra marchi

Un accordo di coesistenza potrebbe non essere sufficente a evitare la confondibilità tra marchi

La commisisone ricorsi con decisione nr. 10 del 4 febbraio 2015 ha colto l'occasione per fare alcune considerazioni in merito agli accordi di cesistenza tra marchi. La commissione ricorsi così si esprime: "L'accertamento sulla sussistenza del rischio di confusione o di associazione dev'essere condotto su un piano dieffettività e, in questa prospettiva, non può dirsi a priori che l'esistenza e il contenuto di accordi di coesistenza e didifferenziazione siano irrilevanti, ai fini della valutazione di tale rischio in concreto. In proposito, un precedente, non recentissimo, della Suprema Corte...

La crisi e le idee: brevetti e marchi in calo?

Brevetti e marchi e al crisi

Si stanno facendo i primi conti di fine anno per quanto riguarda depositi di brevetti e marchi e per alcune camere di commercio sembra che la crisi abbia portato ad un calo delle idee. Sicuramente un modo per leggere la crisi economico-finanziaria è quello di valutare il flusso delle nuove idee che spingono le...

L'UIBM consente la registraizone dei marchi in lingua cinese

Il marchio Land Rover traslitterato in caratteri cinesi è registrabile in Italia

La società  Land Rover tramite deposito dell'opposizione n. 442/2012 ha contestato la registrazione del marchio “路虎”, sostenendo che il significato di tali ideogrammi fosse  “Land Rover”, in quanto essi sono utilizzati da Land Rover stessa per identificarsi in...

Proprietà industriale in San Marino

Nuove regole per la tutela dei brevetti a San Marino

Dal 23 Dicembre 2014 chi intende proteggere le proprie invenzioni nella Repubblica di San Marino è tenuto a pagare le tasse nazionali sammarinesi.   Non è più possibile avvalersi della reciprocità di riconoscimento su marchi, brevetti e design di cui all’art. 43 della Convenzione San Marino – Italia.   L’art. 43 si applica solo ai marchi, brevetti e design registrati o concessi in Italia e/o a San Marino sulla base di domande nazionali presentate ad uno dei rispettivi uffici nazionali (UIBM per l’Italia e USBM per la Repubblica di San Marino).   L’art. 43 non si applica invece ai marchi, brevetti e design registrati o concessi sulla base di accordi internazionali (marchi internazionali registrati secondo l’accordo di Madrid, Brevetti Europei, modelli...

Marchi 3D e prova d'uso

Onere del titolare dei marchi 3D

A seguito della sentenza del TGUE T-235/12, dell’11 dicembre 2015 si porta all'attenzione il fatto che il titolare di un marchio tridimensionale non solo deve provare in fase di deposito la tridimensionalità del marchio al fine di dimostrarne la capacità distintiva tramite, ma in fase di dimostraizone dell'uso di fatto del marchio sul mercato dovrà provare che il cliente entra in contatto con la tridimensionalità del marchio depositando immagini dell'intero marchio così come usato visto dalle differenti prospettive. Questo obbligo...

Cosa c'è dietro un marchio

Storia di un marchio di successo

La parola Samsung è la traduzione di due ideogrammi coreani traducibili letteralmente in “Tre Stelle” (Sam Sung rispettivamente): il Tre rappresenta potenza e perfezione mentre la Stella è il simbolo di qualcosa di luminoso che dura per sempre. Nel 1938 Byung-Chull Lee, il fondatore, avvia un’azienda in Corea con l’equivalente di circa 20€.  All’inizio la sua azienda si occupava principalmente di esportazioni e vendita di prodotti coreani essiccati, come pesce, verdura e frutta. La società cominciò a interessarsi alla sfera mobile solo a partire dal 1983 e il primo reale tentativo fu la creazione di telefoni per auto. Da quella piccola azienda di esportazioni oggi Samsung, anche grazie alla collaborazione con Android, è uno dei principali venditori di smartphone e tablet e...

Patent Box Italiano

Tassazione agevolata per marchi e brevetti

Patent box brevetti inserito nella Legge di Stabilità 2015 cos'è e come funziona? Iniziamo col dire che il patent box è un pacchetto di aiuti per le aziende già molto diffuso in Europa e introdotto in Gran Bretagna il 1° aprile del 2013. Ora, grazie al governo Renzi, questo regime fiscale arriverà anche in Italia e consentirà alle aziende di avere una riduzione dell'imposta sugli utili dei diritti derivanti dalla proprietà intellettuale qualificanti. Patent box brevetti legge di Stabilità...

I marchi Gustativi: un caso in USA

Per ottenere un valido marchio gustativo è necessaria l'acquisizione del secondary meaning

A seguito di un'azione tra due società americane in merito a un marchio gustativo sulla Pizza il giudice stabilisce che pur essendo legittima la richiesta di registraiozne di un marchio gustativo esso, oltre a dover sottostare alle regole generiche di registraizone (ed esempio sufficente descrizione e rappresentazione) non deve possedere un mero carattere funzionale e deve aver acquisito un secondary meaning sul mercato.   Proprio su questa base, pur non escludendo a priori la posisbilità di registrare marchi gustativi, il giudice americano considera il marchio sul gusto della pizza rivendicato dalla società attirice nullo a causa del carattere funzionale e della mancata acquisizione di un seocndary meaning.      

La Corte d'Appello condanna GUESS per concorrenza sleale nei confronti di GUCCI

Un parziale ribaltamento nella causa GUCCI vs GUESS

La Corte d’appello di Milano (sentenza n. 3308 del 15 settembre 2014) ha accolto parzialmente l’appello proposto da GUCCIO GUCCI Spa contro la sentenza di primo grado n. 6095 del 2013, la quale assolveva la GUESS INC in merito alla dichiarazione di responsabilità da illeciti di contraffazione di numerosi marchi nazionali e comunitari di titolarità della GUCCI, nonché di concorrenza sleale (anche parassitaria) ai sensi dell'art. 2598, n. 1 e 2 e 3, cod. civ. e dichiarava nulli alcuni marchi della GUCCI.   La Corte d'appello da un lato rigetta l’appello principale di Gucci in merito alla contraffazione da parte di GUESS dei marchi G e GUCCI confermando la nullità dei marchi di GUCCI, ma dall'altra riconosce la sussistenza...

Haghtags e marchi

L'importanza degli # haghtags corrispondenti ai propri marchi

Con la crescente importanza dei social network nella comunicazione e nel marketing aziendale ad ogni livello diviene di grande importanza monitorare la percezione e l'uso dei propri marchi su tali mezzi di comunicazione. A tal fine grazie al sempre più crescente utilizzo degli...

Il falso uccide lo stile

L'arma dello choc contro vu cumprà e abusivi a tutela dei marchi

Dal corso di laurea in marketing e comunicazione dell’Università Cà Foscari nasce a Venezia la nuova campagna di sensibilizzazione contro l’acquisto di beni con marchi contraffatti a tutela degli oggetti originali. E' una campagna rivolta a tutti, turisti e cittadini residenti. Un’immagine da...

Canale Youtube WIPO

Informazioni per non addetti ai lavori

La WIPO (World intellectual Property Organisation) dispone di un interessante canale youtube all’indirizzo https://www.youtube.com/user/wipo . Il canale è organizzato per aree tematiche e si possono ottenere le più svariate informazioni, dalle nozioni basilari relative al deposito della domanda internazionale PCT, alle ultime novità in fatto di innovazione tecnologia, design e...

Nasce il marchio "ospitalità italiana"

I marchi per promuovere il turismo di qualità

Il marchio “Ospitalità Italiana” è una certificazione promossa dalle Camere di Commercio per garantire la qualità dell'offerta ricettiva e ristorativa in Italia proprio quando anche l’Ufficio dei Marchi Internazionali sottolinea l’importanza dei marchi nello sviluppo del turismo. Le aziende possono accedere al bando tramite un’autocandidatura presso le Camere di Commercio. Dopo attenta valutazione, alle strutture che si dimostrano in possesso dei requisiti richiesti viene conferita la certificazione “Ospitalità Italiana”, nonché l’inserimento nel database del sito internet, nel quale chiunque può cercare le strutture del circuito. I bandi per la certificazione di qualità “Ospitalità Italiana” sono ancora aperti per presentare la domanda per l'anno 2015. Per maggiori informazioni...

Bando brevetti e marchi ancora aperti

Opportunità per le PMI: brevetti e marchi

Il Ministero dello sviluppo economico tiene ancora aperti il bando brevetti + e marchi +, dando alle PMI ulteriori opportunità per finanziare la ricerca e lo sviluppo.  

Procedura di deposito dei marchi

Novità nella procedura telematica di deposito dei marchi

Al fine di armonizzare la procedura di elencazione dei prodotti e dei servizi nelle domande di marchi nazionali rispetto all’UAMI, l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi dal 20/5/2014 non accetta più l’indicazione di frasi standard indicanti l’intenzione di proteggere tutti i prodotti/servizi di una classe. A fronte della richiesta di un maggior dettaglio nell’elencazione, dato lo spazio limitato previsto dal verbale telematico, per indicare quali prodotti/servizi i marchi andranno a proteggere, è ora necessario allegare ai documenti di deposito un documento pdf, redatto in forma libera senza limitazione di caratteri, indicante i prodotti e servizi da rivendicare.

Rivalutazione dei beni d'impresa - brevetti e marchi

Brevetti marchi e il loro valore

Il disegno di legge di stabilità 2014, ripropone la possibilità di rivalutare i beni dell'impresa, compresi brevetti e marchi. La rivalutazione potrà essere effettuata mediante il pagamento sui maggiori valori di un’imposta sostitutiva dell'Irpef/Ires e...

Ottenere tutela di marchi e brevetti

L'ufficio competente può rilasciare il titolo di tutela per marchi e brevetti

Le innovazioni che contribuiscono a generare vantaggi competitivi per le aziende possono riguardare diversi aspetti dell'attività aziendale come ad esempio, l'organizzazione interna, le modalità di fare business, il marketing, i procedimenti di fabbricazione ed il prodotto in se stesso sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista tecnologico. Per tutti questi aspetti esiste uno strumento di tutela adeguato. Le attività di marketing e commerciali, ovvero l'immagine dell'azienda ed il proprio nome od il nome di uno specifico prodotto sono identificate dal marchio. La protezione delle innovazioni tecnologiche si ottiene con i brevetti. Per ottenere la tutela marchi...

Valutazione marchi - pubblicità

La valutazione dei marchi, un'attività strettamente legata all'operato dell'azienda

Negli ultimi anni si parla molto di Valutazione marchi, sia da un punto di vista strettamente operativo ( acquisizioni, vendite, licenze ), sia da un punto di vista forse più di pubblicità che le aziende si fanno nel rendere noti i valori economici dei loro marchi. Ad aiutarle in questo, ogni anno società apposite redigono le classifiche dei marchi più rappresentativi in Italia e nel mondo. Queste classifiche sono...

Tutela del marchio: identificazione degli illeciti

Tutela del marchio nel vasto territorio di sorveglianza del web

La sempre maggiore diffusione dei servizi di e-commerce, mediante siti di vendita via web ha incrementato in modo notevole sia il numero di azioni di contraffazione, sia le tipologie delle azioni di contraffazione ed uso scorretto del marchio. Questo allargamento quantitativo e qualitativo ha spinto a forme di tutela che...

Valutazione marchio

Un'attività critica: la valutazione marchio

Il marchio costituisce la codifica della marca o brand di una azienda od organizzazione e pertanto la valutazione marchio dal punto di vista del valore dello stesso è una attività molto critica. Fra gli assets immateriali che contribuiscono a costituire il valore di una azienda od una attività,...

Registrazione disegno e tutela dei loghi aziendali

La protezione del logo tramite la degistrazione del disegno

Anche se ad oggi la tutela del proprio logo tramite la registrazione disegno (Design) è oggetto di critiche e di obiezioni essa è legalmente riconosciuta e rappresenta sicuramente una via strategica che consente di ottenere la protezione del proprio logo sostanzialmente su tutti i prodotti e servizi senza i limiti di settore merceologico propri della registrazione di marchio. La protezione del logo o di parte di esso tramite la registrazione disegno se inserita all'interno di una corretta...

Il deposito del marchio, del brand dell'azienda

Il deposito del marchio che raccoglie tutto il valore dell'azienda stessa

Il brand, ovvero la marca, è ciò che forma la personalitภl'anima e l'essenza di una azienda od attività. In esso viene raccolta tutta l'esperienza che la clientela fa dell'azienda nel tempo e quindi raccoglie tutto il valore dell'azienda a qualsiasi livello ed in qualsiasi campo della sua attività ed organizzazione. Il marchio codifica questo brand e ne costituisce lo strumento di protezione. L'ottenimento della tutela passa attraverso una procedura di deposito marchio che porta alla fine di un iter diverso da nazione a nazione od organizzazione regionale od internazionale ad una registrazione de quindi concessione del titolo di protezione. Il deposito marchio può essere effettuato a livello solo nazionale, sia in Italia che in qualsivoglia altro paese oppure a livello regionale, cioè presso una organizzazione che gestisce una procedura di registrazione centralizzata di marchi a cui...

Valutazione marchi: punto di vista pubblicitario

Classifiche stilate per attribuire un valore economico: la valutazione dei marchi.

Negli ultimi anni si parla molto di Valutazione marchi, sia da un punto di vista strettamente operativo ( acquisizioni, vendite, licenze ), sia da un punto di vista forse più di pubblicità che le aziende si fanno nel rendere noti i valori economici dei loro marchi. Ad aiutarle in questo, ogni anno società apposite redigono le classifiche dei marchi più rappresentativi in Italia e nel mondo. Queste classifiche sono stillate in base al valore economico derivante da criteri di valutazione appositamente studiati, che però variano molto uno dall'altro. Questa differenza nello...

Cosa deve comprendere la domanda del marchio?

A cosa prestare attenzione per una domanda di marchio?

L'inizio della procedura di registrazione ha luogo con la presentazione di una domanda di marchio in cui oltre alle indicazioni anagrafiche del titolare richiedente e di un indirizzo di notifica di atti relativi alla procedura di registrazione, devono essere indicati il marchio che si intende registrare ed i prodotti o servizi che verranno contrassegnati dallo stesso. La domanda di marchio deve comprenderne uno solo che può essere semplicemente denominativo, cioè la pura parola o insieme di lettere o puramente...

IULM: il corso "il diritto della marca"

La Dr.ssa Elisa Barlocco e Daniela Barlocco dello Studio Karaghiosoff e Frizzi Srl sono state invitate alla IULM nell’ambito del corso "Il diritto della marca". Interverranno per una presentazione sui marchi e sulla valutazione economico/finanziaria degli stessi e per le relative esercitazioni pratiche.

Come avviene la tutela del marchio

Per la protezione di progetti o idee, la tutela del marchio è fondamentale. Ecco come si articola una corretta tutela del marchio

La tutela del marchio è conferita da due livelli diversi che sinergicamente cooperano a garantire che l'identità identificativa di un prodotto e di una organizzazione vengano copiate o usurpate da terzi. Un primo livello di tutela del marchio è quello garantito dal codice della Proprietà Intellettuale relativamente ai marchi registrati ed ai marchi di fatto. In questo caso la tutela del marchio nasce con la registrazione del marchio o con l'uso non puramente locale dello stesso e si concretizza in una azione davanti all'autorità giudiziaria civile e penale. Il secondo livello di tutela del marchio attiene invece ad elementi che non possono essere...

La importantissima valutazione del marchio

La valutazione del marchio, attività di primaria importanza. Ecco come scegliere la metodologia più adeguata per la valutazione del vostro marchio

La principale funzione del marchio è l'identificazione della matrice, della provenienza, di un prodotto o di un servizio per distinguerlo da merce, simile o identica, di imprese concorrenti. Svolge un ruolo centrale nelle strategie di marketing dell'impresa e su esso si investe molto per affermare l'immagine e la reputazione dei prodotti sul mercato. Può assumere un notevole valore fino a costituire il principale asset aziendale. La valutazione marchi è quindi una attività di primaria importanza. All'interno dell'azienda viene valorizzato nel bilancio dell'impresa sulla base dei costi (storici) sostenuti e nel bilancio d'esercizio essi sono...

La tutela dei marchi, la "bandiera" dell'azienda

La tutela dei marchi, il simbolo che contraddistingue un prodotto o un'organizzazione. Le diverse modalità di tutela dei marchi da attivare in parallelo.

La denominazione o il simbolo che contraddistingue una organizzazione e/o una linea di prodotti o un prodotto, brevemente definito marchio, è la bandiera che riassume e rappresenta tutte le qualità positive o negative che sono state vissute nel rapporto con la clientela e si sono accumulate nel tempo. La tutela marchi si attua secondo diverse modalità che possono ed in alcuni casi devono coesistere e che consentono anche di risparmiare ed ottimizzare il rapporto...

Come avviene la tutela del marchio

Per la protezione di progetti o idee, la tutela del marchio è fondamentale. Ecco come si articola una corretta tutela del marchio

La tutela del marchio è conferita da due livelli diversi che sinergicamente cooperano a garantire che l'identità identificativa di un prodotto e di una organizzazione vengano copiate o usurpate da terzi. Un primo livello di tutela del marchio è quello garantito dal codice della Proprietà...

Valutazione marchi: perchè effettuarla?

La valutazione dei marchi è un procedimento complesso, da effettuare con varie metodologie. Ecco perchè è necessario effettuare una valutazione dei marchi.

Secondo le più recenti interpretazioni, il marchio oggi è considerato come la codifica grafica e/o alfanumerica del brand, cioè quella parte concreta che rappresenta tutti valori positivi tecnici, commerciali, fiscali, organizzativi e sociali di un'azienda e dei suoi prodotti. Il suo valore contribuisce ad una sostanziale parte degli assets intangibili di un'azienda e la valutazione marchi rappresenta pertanto una priorità per definire il valore della stessa. Una valutazione marchi è consigliabile per diverse ragioni fra cui le principali sono: Cessione o acquisto; Concessione in licenza a terzi; Formazione di joint-venture; Danni da azioni di contraffazione; Fusioni tra società; Fallimento; Garanzie; Assicurazioni ed anche Conoscenza delle potenzialità date dal titolo. Esiste una molteplicità di metodi di valutazione marchi, ciascuno dei quali considera diversi aspetti che portano quasi sempre a risultati fra loro molto diversi....

Strumenti per la tutela del marchio

Lo studio Karaghiosoff e Frizzi effettua servizi di tutela del marchio: ecco gli strumenti di cui possiamo disporre.

Il marchio costituisce il segno grafico od alfanumerico che contraddistingue la marca od il brand e quindi l'attività aziendale con il suo appeal presso i clienti, gli aspetti positivi e quelli negativi che si sono costruiti negli anni di attività. La tutela del marchio è quindi fondamentale perché protegge una parte rilevante del patrimonio dell'azienda. Gli strumenti di tutela sono diversi e possono essere applicati in parallelo fra loro. Strumento principale e più importante è il marchio registrato. Questo si ottiene con una procedura di registrazione che prevede il deposito di una domanda di registrazione, un esame di registrabilità e la registrazione. Esistono marchi nazionali, comunitari ed internazionali che possono essere scelti a piacere a seconda delle esigenze dei titolari ed in special modo dei mercati in cui essi operano. Un ulteriore strumento di tutela del marchio è l'esclusiva basata sul semplice uso della denominazione o del logotipo o simbolo per un...

La gestione dei marchi

I criteri fondamentali per la gestione dei marchi. Ecco ciò che dovete sapere sulla gestione dei marchi

Per tutelare efficacemente il proprio marchio ed il valore dello stesso come asset immateriale non basta la registrazione del marchio, ma è necessario attuare una gestione marchi che a fianco delle attività di mantenimento in vigore del marchio stesso preveda attività di difesa del marchio contro imitatori ed usurpatori casuali e volontari. Operando secondo questi criteri la gestione marchi deve prevedere attività di sorveglianza dei marchi identici o simili depositati nei vari paesi ed in particolare nei paesi in cui si opera commercialmente e nei paesi in cui il mercato promette crescite importanti nel futuro. Una corretta gestione marchi...

La gestione dei marchi come proprietà intellettuale

La gestione della proprietà intellettuale prevede anche una gestione dei marchi. Ecco come avviene l'attività di gestione marchi

Secondo la visione corrente, il marchio è la codifica del brand o della marca. Una gestione marchi deve tenere conto di diversi aspetti che vanno dalla gestione marchi intesa come gestione dei puri titoli di proprietà intellettuale alla costante verifica sul mercato di azioni di copiatura del marchio o della corrispondente marca fino al monitoraggio della corrispondenza fra marchi registrati, marchi effettivamente utilizzati e brand e marca. Per aiutare i nostri clienti nella gestione marchi abbiamo sviluppato un servizio di gestione marchi che affianca le tradizionali attività di gestione marchi inerenti al titolo di proprietà, con attività di segnalazione e monitoraggio delle revisioni relative al marchio effettivamente utilizzato ed alla sua corrispondenza con il brand e la marca, rendendo così disponibili anche alle micro alle piccole ed alle medie imprese strategie di gestione marchi tipicamente utilizzate dai grandi gruppi.

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano "prodotto editoriale".