english langue
lingua italiana

brevetti- | Brevetti

ITALIA E BREVETTO UNITARIO

L’adesione dell’Italia al brevetto unitario è una priorità del MISE

Secondo il Sottosegretario Simona Vicari, il Ministero dello Sviluppo Economico considera una priorità l’entrata dell’Italia nel brevetto unitario, ora che la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha chiarito che la normativa sul brevetto unitario non è in discussione. Il Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) Simona Vicari ha dichiarato, durante la riunione odierna del Comitato interministeriale per gli affari europei, che il suo ministero considera una priorità l’adesione dell’Italia alla cooperazione rafforzata sul brevetto unitario. “Dopo la sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 5 maggio che ha respinto i ricorsi della Spagna, abbiamo avuto la conferma che il quadro giuridico del pacchetto del brevetto unitario non sia in discussione”, ha detto il sottosegretario. Secondo Vicari, “l’adesione al...

Nuovi finanziamenti per le PMI

La Regione Lombardia finanzia ricerca e innovazione nelle PMI, compreso il costo dei brevetti

FONDI ALL’INNOVAZIONE   Le micro, piccole e medie imprese lombarde possono ottenere fino a un milione di euro di finanziamento agevolato per i progetti di ricerca, sviluppo e innovazione: fra le spese ammissibili anche il deposito di brevetti. Un nuovo bando della Regione Lombardia a valere sulla “Linea R&S per MPMI” (FRIM FESR 2020) finanzia con 30 milioni di euro i progetti di ricerca, sviluppo e innovazione delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) lombarde anche di nuova costituzione. Da...

Proprietà industriale in San Marino

Nuove regole per la tutela dei brevetti a San Marino

Dal 23 Dicembre 2014 chi intende proteggere le proprie invenzioni nella Repubblica di San Marino è tenuto a pagare le tasse nazionali sammarinesi.   Non è più possibile avvalersi della reciprocità di riconoscimento su marchi, brevetti e design di cui all’art. 43 della Convenzione San Marino – Italia.   L’art. 43 si applica solo ai marchi, brevetti e design registrati o concessi in Italia e/o a San Marino sulla base di domande nazionali presentate ad uno dei rispettivi uffici nazionali (UIBM per l’Italia e USBM per la...

Convalida in Norvegia brevetto Europeo

Traduzioni brevetto europeo: dal 1 gennaio la Norvegia applica l’Accordo di Londra

L’Accordo di Londra è entrato in vigore per la Norvegia il 1 gennaio 2015: è ora possibile, a certe condizioni, evitare il deposito della traduzione in norvegese della descrizione per i brevetti europei con validità in Norvegia. L’Accordo di Londra è entrato in vigore in Norvegia il 1 gennaio 2015. Pertanto nel caso di un brevetto europeo con validità in Norvegia concesso a partire dal 1 gennaio 2015, non occorre più depositare una traduzione in norvegese della descrizione, a condizione che il brevetto venga rilasciato in inglese o che ne venga fornita una traduzione in tale lingua. Rimane obbligatorio presentare una traduzione in norvegese delle rivendicazioni. La novità non si applica ai brevetti...

Patent Box

Approvato l'"Investment Compact": PMI innovative e Patent box

Con comunicato del 20 gennaio 2015, il Governo ha reso noto che, nella riunione tenutasi nello stesso giorno a Palazzo Chigi, su proposta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dei Ministri dell’Economia e delle Finanze Pietro Carlo Padoan e dello Sviluppo Economico Federica Guidi, il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge contenente "Disposizioni...

Brevetti biotech

Sentenza della Corte di Giustizia UE nel caso International Stem Cell

Secondo le norme UE sulla brevettabilità delle invenzioni biotecnologiche, per “embrione umano” si intende un embrione che possa svilupparsi in essere umano; gli ovociti non fecondati ma stimolati tramite partenogenesi, essendo incapaci di svilupparsi in esseri umani, non ricadono in tale definizione di embrione e sono di conseguenza brevettabili. Ciò vale sin quando una manipolazione genetica dell’ovocita stimolato non attivi tale capacità. Quanto sopra è il significato essenziale della sentenza emessa ieri dalla Corte di Giustizia...

Brevetti negli Stati Uniti

Cosa è brevettabile secondo la legge degli Stati Uniti?

Recentemente è stata emessa una sentenza che probabilmente rivoluzionerà la valutazione dell’Ufficio Brevetti e Marchi Americano (USPTO) su cosa può essere oggetto di una domanda di brevetto. In particolare la sentenza riguarda la valutazione circa la brevettabilità del software. Per saperne di più: http://www.uspto.gov/patents/announce/interim_alice_guidance.jsp

ESAME ACCELERATO PER I BREVETTI IN ISRAELE

Accordo firmato tra Ufficio Brevetti Europeo e Ufficio brevetti Israeliano

L’ufficio Brevetti Europeo ha firmato un programma di Patent Prosecution Highway (PPH) con l'Ufficio Brevetti di Israele che consente il trattamento accelerato delle domande di brevetto a partire dal gennaio 2015. Il programma prevede procedure di esame dei brevetti più rapide per consentire agli inventori provenienti da Europa e Israele di ottenere brevetti in modo più rapido ed efficiente, favorendo quindi l’innovazione. L'Ufficio Brevetti Europeo ha recentemente firmato accordi simili con gli uffici brevetti di Canada, Messico e Singapore. Tutti e quattro i programmi pilota inizieranno il 6 gennaio 2015. I nuovi programmi di procedura accelerata con Israele, Canada, Messico e Singapore seguono la scia di un ampio programma PPH...

La proprietà industriale per i dispositivi medici

La proprietà intellettuale e i dispositivi medici: nuova pubblicazione della Commissione UE

L’European IPR Helpdesk, il servizio di informazione sulla proprietà intellettuale della Commissione Europea, ha pubblicato un scheda informativa che spiega l'importanza della proprietà intellettuale per il settore dei dispositivi medici, il cui impatto sul settore sanitario e anche per l'economia è diventato sempre più importante nella società moderna. Infatti, secondo la Commissione europea, nel 2007 il settore dei dispositivi medici e diagnostici impiegava 529 mila persone in tutta Europa, con un fatturato complessivo di oltre 72 miliardi di euro, che rappresentava il 33% della quota di mercato mondiale, il secondo mercato dopo gli Stati Uniti. Le circa 11.000 imprese del settore, di cui l'80% sono PMI,...

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano "prodotto editoriale".